|

 

Un messaggio di Sri Mrinalini Mata 

per la Pasqua - 2014

Jesus Christ

Innalzatevi oltre la coscienza del corpo, elevate il vostro spirito dal regno della materia alla vastità del silenzio interiore nel tempio della vostra anima ed entrate in comunione con il Cristo risorto.

Paramahansa Yogananda            

Il sacro periodo della Pasqua riporta meravigliosamente alla memoria le nostre potenzialità divine, delle quali Gesù Cristo ha dato un esempio sublime nel suo supremo sacrificio di amore sulla croce e nella sua gloriosa resurrezione. Quando ci poniamo in sintonia con la coscienza di Gesù che è unita a Dio, sentiamo nel cuore e nella mente il tocco della grazia divina che ci risveglia e aiuta il nostro spirito a risorgere dalle croci della vita, dal sepolcro degli egoismi meschini, dall'illusione della separazione da Dio. L'immensa compassione di Cristo è un esempio che continua a infondere in innumerevoli anime la fiducia in Dio come Padre infinitamente amorevole al quale possiamo rivolgerci senza alcun timore, un Padre sempre pronto a tenderci la mano per sollevarci oltre le crocifissioni di maya e i difetti della limitata natura umana affinché, con l'aiuto della sua grazia divina, possiamo risorgere alla nostra innata divinità.

Gurudeva Paramahansa Yogananda ci ha detto: "Gesù, in ogni azione compiuta in soccorso degli infermi e dei derelitti e nell'estremo sacrificio del proprio corpo, volto ad alleviare i peccati di molti, dimostrò l'incomparabile amore di Dio, con la sua immensa misericordia e il suo perdono infinito". È questo il dono di amore e di perdono senza limiti che il Padre Celeste offre a ogni anima perché Egli vede, oltre i veli di maya che oscurano la nostra visione, ossia l'immagine divina che è dentro ciascuno di noi e attende di essere svelata. Quando ci rivolgiamo a Lui con la fiducia e l'amore di un bambino, ci rendiamo ricettivi alla sua grazia, consentendo alla sua luce e al suo potere di permeare il nostro essere e dissolvere i modi errati di pensare e di agire che ci hanno tenuto prigionieri. "L'amore per Dio, l'abbandono a Lui, distruggeranno il karma dell'ignoranza", ci ha assicurato Gurudeva. "L'amore puro, l'amore divino, elimina le barriere tra l'uomo e il suo Creatore". Amare Lui ponendo la nostra vita in sintonia con la sua volontà, come fece Gesù, è la chiave per la resurrezione della nostra anima e per la resurrezione dell'umanità dagli infiniti cicli di errori ed espiazioni che hanno contrassegnato la sua storia.

Quando apriamo il cuore al balsamo risanante del perdono e della compassione di Dio, liberiamo la nostra coscienza dal peso degli errori commessi e infondiamo energia ai nostri sforzi di diventare come Dio ci ha creati, cioè anime libere di esprimere la propria natura divina e immortale. Ogni nostro tentativo di abbandonare i risentimenti, e di offrire agli altri comprensione e perdono, ci rende strumenti del suo amore e ci fa progredire sul sentiero tracciato da Cristo e da tutti i Grandi che conduce alla vittoria dell'anima. È proprio nella profonda comunione interiore con il Divino che potremo realizzare pienamente quale forza abbia sostenuto Gesù nella sua grande prova, rendendolo capace di sentire un amore incondizionato per tutti, anche per i suoi più acerrimi nemici. Quando nel tempio del silenzio l'amore di Dio inonda il cuore, i confini del 'piccolo io' si fondono nel più grande Me stesso e l'inimicizia non può più esistere: c'è soltanto il desiderio di aiutare gli altri, soltanto la gioia di servirli. Questa è la coscienza nella quale visse Gesù e alla quale Dio cerca di risvegliare ciascuno di noi.


Auguro a voi e ai vostri cari una Pasqua colma di gioia e di benedizioni

Mrinalini Mata's Signature

Sri Mrinalini Mata

Copyright © 2014 Self-Realization Fellowship. Tutti i diritti riservati.

Shop Bookstore   |   eNews   |     Donate   |   Contact Us   |   Sitemap   |   Audio Video Index   |   Privacy Policy   |   Terms of Use  
Copyright © Self-Realization Fellowship. All Rights Reserved.