Rinvigoriamo il nostro legame con l’Eterna Fonte d’Amore

2 maggio, 2019

Brother Chidananda
Brother Chidananda, presidente e capo spirituale della Self-Realization Fellowship/Yogoda Satsanga Society of India.

Le mie più sentite preghiere, unitamente a quelle dei monaci e delle monache negli ashram di Paramahansa Yogananda, giungano a tutti coloro che sono stati colpiti dalla serie di atti violenti e pieni d’odio verificatisi nei mesi recenti in diverse parti del mondo.

In tempi come questi, ogni nazione e comunità di fedeli – l’intera famiglia mondiale dei figli di Dio su questa terra - ha bisogno di intensificare il legame con l’eterna Divina Sorgente di amore, armonia, guarigione e protezione. Nella consapevolezza della nostra affinità con tutti loro, concentriamoci in particolare modo nel rafforzare l’invisibile, ma supremamente potente flusso della grazia di Dio nei cuori e nelle menti ovunque nel mondo - una grazia che si manifesta come maggior coraggio, come fede più profonda nella fondamentale bontà del genere umano, e come una inamovibile pace interiore e saggezza, con le quali contrastare le minacce al nostro benessere individuale e collettivo.

Guardando agli attuali avvenimenti attraverso la lente della comprensione divina - raggiunta grazie alla consapevolezza della presenza di Dio nella meditazione e nella preghiera - automaticamente sentiamo scaturire in noi la gentilezza, la sollecitudine, e il mutuo sostegno verso ogni componente della famiglia globale. Qualunque sia la nostra nazionalità o affiliazione religiosa, siamo tutti figli di Dio, e siamo da Lui ugualmente amati, il nostro benessere individuale è interconnesso al bene di tutti.

Desidero incoraggiare i membri del nostro Circolo Mondiale di Preghiera, cosi come tutte le persone di buona volontà ovunque loro si trovino, a unirsi in un consapevole anelito di preghiera, per aprire nuovi canali d’amore e saggezza volti a portare aiuto e guarigione a coloro che soffrono e a coloro che hanno provocato la sofferenza.

Sebbene ci troviamo in un ciclo evolutivo ascendente, e siamo consapevoli del fatto che in ultimo la luce di Dio prevarrà sull’oscurità, quando vediamo anime innocenti travolte dalle tempeste di un mondo instabile, la natura umana ci porta a reagire con sentimenti di vulnerabilità, paura, rabbia e frustrazione di fronte e quelle che sembrano essere limitate possibilità nel tentativo di fare qualcosa di costruttivo. Ma come devoti della Sorgente d’amore, saggezza e compassione, possiamo fare tanto.

Per prima cosa dobbiamo ricordare che non siamo soli. Nella sacra Bhagavad Gita, Il Signore ci rassicura: “Ogni volta che nel mondo la virtù declina e la degradazione predomina, Io mi incarno come un Avatar. Al fine di ristabilire la rettitudine, di epoca in epoca appaio in forma visibile per proteggere i virtuosi e distruggere i malvagi”. Il nostro venerato guru, Paramahansa Yogananda ancora una volta ci ricorda che gli insegnamenti e le tecniche per la realizzazione di Dio, donate all’umanità nella presente era, e atte a trasformare il mondo, sono una diretta manifestazione della divina promessa fatta nella Gita. Sta a noi farne uso.

Cerchiamo dunque di usare l’energia generata dalle nostre reazioni emotive, per rinvigorire il nostro diligente impegno lungo il luminoso cammino di evoluzione verso l’alto. Nel sintonizzare quotidianamente la nostra coscienza con la verità e la grazia generosamente elargite attraverso il sentiero della SRF/YSS (o tramite qualsiasi altro cammino si stia percorrendo) - specialmente impegnandoci ulteriormente nella meditazione e trascorrendo più tempo nell’abbraccio di Dio – possiamo trasformare la paura in fede, e la rabbia in fermo coraggio e nel desiderio di aiutare chi si trova in bisogno.

Così facendo ci ricongiungiamo alla forza divina innata nelle nostre anime, forza che può elevarci al disopra dei sentimenti d‘impotenza aprendo in noi il canale lungo il quale l’illimitato potere ed amore di Dio possa fluire.

Dall’affrontare in modo onnicomprensivo la crisi globale dei nostri tempi, emergeranno le soluzioni specifiche – dal punto di vista individuale, sociale, politico e di certo spirituale - di cui abbiamo disperatamente bisogno.

La mia profonda preghiera per ognuno di voi è che nei vostri cuori siate consapevoli di questa promessa.

Come Paramahansaji ci ha chiesto insistentemente: “Dovremmo cercare di essere come quegli esseri divini che sono venuti sulla terrà più e più volte per mostrarci la via. Nell’amarci l’un altro e nel mantenere chiara la nostra consapevolezza, come loro hanno insegnato e dimostrato con l’esempio, la pace può arrivare”.

Possa ciascuno di noi irradiare in questo mondo la luce e l’amore di Dio.

Brother Chidananda

Copyright © Self-Realization Fellowship. Tutti i diritti sono riservati.