|

Le verità nascoste nei Vangeli

  Dal commento in due volumi di Paramahansa Yogananda al Nuovo Testamento

  La seconda venuta di Cristo: la Resurrezione del Cristo dentro di voi, in inglese. In italiano è disponibile Lo Yoga di Gesù pubblicato dalla Casa Editrice Astrolabio, Roma.

 

Jesus ChristIn queste pagine offro al mondo un’interpretazione spirituale delle parole di Gesù, che ho percepito intuitivamente; si tratta di verità che mi sono state rivelate grazie all’autentica comunione con la Coscienza Cristica... Esse rendono manifesta la perfetta identità esistente tra le rivelazioni della Bibbia cristiana e quelle della Bhagavad Gita indiana, come pure di tutte le altre scritture la cui verità ha resistito alla prova del tempo.

I salvatori del mondo non vengono sulla terra per alimentare ostili divisioni dottrinali; i loro insegnamenti non dovrebbero essere strumentalizzati a questo scopo. Del resto non è corretto chiamare il Nuovo Testamento la Bibbia ‘cristiana’, perché esso non è appannaggio esclusivo di alcuna confessione religiosa. La Verità ha lo scopo di benedire e di elevare l’intera razza umana. Come la Coscienza Cristica è universale, così Gesù Cristo è patrimonio di tutti…

Intitolando quest’opera La seconda venuta di Cristo non intendo riferirmi a un ritorno letterale di Gesù sulla terra... Mille Gesù Cristo inviati sulla terra non redimerebbero i suoi abitanti a meno che questi ultimi non divenissero a loro volta come Cristo, purificando ed espandendo la loro coscienza individuale, per poter ricevere in se stessi la seconda venuta della Coscienza Cristica così come fu manifesta in Gesù... Il contatto con questa Coscienza, che si manifesta come gioia eterna nella meditazione, sarà l’effettiva seconda venuta di Cristo, e avverrà nella coscienza stessa del devoto.

Il ‘Figlio unigenito’: la Coscienza Cristica 

Esiste una netta differenza di significato tra il nome di Gesù e quello di Cristo. ‘Gesù’ fu il nome ricevuto alla nascita, mentre ‘Cristo’ fu il suo titolo onorifico. Nel piccolo corpo umano chiamato Gesù nacque l’immensa Coscienza Cristica, l’onnisciente Intelligenza di Dio, presente in ogni parte e in ogni particella della creazione. Questa Coscienza è il solo “Figlio unigenito di Dio” così definito in quanto il solo perfetto riflesso dell’Assoluto Trascendentale, lo Spirito, ovvero Dio Padre.

Era questa Coscienza Infinita, ricolma dell’amore e della beatitudine di Dio, di cui parlava san Giovanni quando disse: “A tutti coloro che lo ricevettero (ricevettero la Coscienza Cristica), diede il potere di diventare figli di Dio”.

Con l’esatta scienza della meditazione, nota da migliaia di anni agli yogi, ai saggi indiani e a Gesù, chiunque sia alla ricerca di Dio può ampliare la capacità della propria coscienza fino all’onniscienza, per ricevere dentro di sé l’Universale Intelligenza di Dio.

Le verità nascoste nelle parabole di Gesù  

E accostatisi, i suoi discepoli gli dissero: “Per qual motivo tu con loro parli in parabole?”. Ed egli rispose e disse loro: “Perché a voi è concesso di intendere i misteri del regno dei cieli: ma a loro non è stato concesso... Per questo parlo loro in parabole, perché pur vedendo non vedono, e pur udendo non odono né intendono”. 

Quando i discepoli chiesero a Gesù perché impartisse al popolo i suoi insegnamenti sotto forma di esemplificazioni allegoriche come le parabole, egli rispose: “Perché così è stabilito: voi, conducendo una vita spirituale e disciplinando le vostre azioni secondo i miei insegnamenti, siete i miei veri discepoli; quindi, in virtù del risveglio interiore raggiunto nella meditazione, meritate di comprendere la verità racchiusa negli arcani misteri celesti e il modo per raggiungere il regno di Dio, la Coscienza Cosmica celata dietro la creazione vibratoria dell’illusione cosmica. Ma i comuni mortali, ancora impreparati a recepire queste verità, non sono in grado di comprendere né di tradurre in pratica i principi di saggezza più profondi. Dalle parabole essi colgono, nella misura consentita dalla loro capacità di comprensione, verità più semplici, contenute nella saggezza che trasmetto loro e, mettendo in pratica ciò che sono in grado di recepire, compiono qualche progresso verso la redenzione”…

In che modo le persone ricettive riescono a percepire la verità, mentre coloro che non lo sono “pur vedendo non vedono, e pur udendo non odono né intendono?”. Le verità ultime dei cieli e del regno di Dio, la realtà celata dietro le percezioni dei sensi e oltre i ragionamenti della mente raziocinante, si possono cogliere solo con l’intuizione, risvegliando la conoscenza intuitiva, ossia la pura comprensione dell’anima.

Gesù il Cristo orientale – un sommo Yogi   

The Yoga of JesusIl messaggio di Cristo non è stato interpretato correttamente dal mondo. Sono stati profanati anche i principi più elementari dei suoi insegnamenti, e i loro profondi significati esoterici sono stati dimenticati. Questi principi sono stati crocifissi per mano dei dogmi, dei pregiudizi e di una ristretta capacità di comprensione. In nome della presunta autorità di dottrine cristiane che in realtà erano solo creazioni umane, sono avvenuti genocidi e tanti esseri umani sono stati mandati al rogo con l’accusa di stregoneria o di eresia. Come salvare gli insegnamenti immortali dal giogo dell’ignoranza? Bisogna conoscere Gesù come un Cristo orientale, uno yogi di somma statura, che manifestò una perfetta padronanza della scienza universale dell’unione con Dio e poté quindi parlare e agire come un salvatore, con la voce e l’autorità di Dio. Gesù è stato troppo occidentalizzato. 

Per vedere il video in inglese su La seconda venuta di Cristo: la resurrezione di Cristo dentro di voi.

La verità esoterica rivela la religione universale della comunione con Dio

Queste interpretazioni essoteriche delle scritture avvolgono l’universalità della religione nelle nebbie del dogma. La comprensione della verità esoterica fa invece schiudere alla vista uno scenario unitario... Le incarnazioni divine non vengono a portare una religione nuova o esclusiva ma a ristabilire la Sola Religione della comunione con Dio.

 gold lotus rule 

Molte sono le chiese e i templi fondati in suo nome, spesso prosperi e potenti, dov’è però la comunione che egli enfatizzava, dov’è il vero contatto con Dio? Gesù vuole che si erigano templi anzitutto nelle anime degli uomini, e solo dopo esteriormente, in luoghi fisici dedicati al culto. Al contrario, esistono innumerevoli edifici grandiosi in cui folle di fedeli ricevono indottrinamenti formali e dogmatici, ma sono poche le anime che entrano veramente in comunione con Cristo attraverso la preghiera profonda e la meditazione.

Riscoprire l’essenza del messaggio di Cristo 

L’assenza della preghiera da parte del singolo e di comunione con Dio ha separato i cristiani moderni e le sette cristiane dagli insegnamenti di Gesù sulla reale percezione di Dio. Lo stesso dicasi dei sentieri religiosi fondati dai cosiddetti profeti designati da Dio i cui seguaci si perdono nei meandri dei dogma e dei rituali invece che nella reale comunione con Dio. Quei sentieri che non permettono un addestramento all’elevazione esoterica si prodigano in dogmi e costruzioni di barriere tese a escludere coloro che manifestano idee diverse. Le persone divine, che veramente percepiscono Dio, abbracciano tutti nell’orbita del loro amore, non secondo un concetto di congregazione eclettica, ma nel rispetto della divina amicizia verso coloro che amano veramente Dio e verso i santi di ogni religione. 

gold lotus rule

Il Buon Pastore delle anime accolse tutti nel suo abbraccio, senza respingere nessuno, e con il suo amore universale persuase il mondo a seguirlo sul sentiero che porta alla liberazione, grazie al suo esempio di spirito di sacrificio, di rinuncia, perdono, amore per gli amici come per i nemici e immenso amore per Dio sopra ogni altra cosa. Il Cristo immanente, sia sotto forma del bimbo Gesù deposto nella mangiatoia di Betlemme, sia del Gesù salvatore che guariva gli infermi, risuscitava i morti e curava le ferite degli errori con il balsamo dell’amore, visse tra gli uomini come uno di loro affinché anch’essi imparassero a vivere come dèi. 

L’indescrivibile amore di Dio  

“Se dimorerete in me e le mie parole dimoreranno in voi, potrete domandare ogni cosa ed essa vi sarà concessa…
“Così come il Padre mi ha amato, così io ho amato voi: continuate nel mio amore. Se osserverete i miei comandamenti, dimorerete nel mio amore; così come io ho osservato i comandamenti del Padre mio, io dimoro nel Suo amore. Così ho parlato a voi, che la mia gioia possa rimanere in voi e che la vostra gioia sia piena”.

Gesù promise ai suoi discepoli che: “Se dimorerete in me, e le mie parole dimoreranno in voi”, se la loro coscienza fosse stata in sintonia perfetta con la Coscienza Cristica e le Sue emanazioni della Vibrazione Cosmica, essi avrebbero potuto dare dimostrazione di meraviglie ottenute attraverso l’opera del principio creativo universale...

Allora Gesù disse loro parole preziose, come nessuna mai più cara al cuore del devoto, il quale li amava con lo stesso amore divino, imparziale e immortale con cui il Padre Celeste amava lui… Cercate di immaginare l’amore di cui Gesù parla in questi versi...

Intuire quell’amore, che contraddistingue tutti i puri di cuore, significa essere trasportati verso un’estasi di gioia tanto grande, così travolgente da risultare incontenibile, una carica di beatitudine che passa attraverso il proprio essere, migliaia di milioni di volt di energia prorompente. Questa divina emozione trascende ogni descrizione, è una comunione di una dolcezza indicibile con la Grazia Infinita, la Gioia Indescrivibile, la Protezione Eterna. Tale è l’amore di Dio che Gesù provava e che riversò sui suoi discepoli. “Così come il Padre mio mi ha amato, così io ho amato voi: proseguite nel mio amore”. 

gold lotus rule

Il Vangelo tramanda un resoconto delle parole di Gesù in questa santa occasione ma i lettori dovrebbero rendersi conto, tentando di percepire dentro di loro come se stessero assistendo di persona all’evento, come dietro quelle parole vi sia la presenza vibratoria di Dio. Durante le riunioni di divina fratellanza (satsanga) quali, per esempio l’Ultima Cena di Gesù con i suoi apostoli, coloro che sono ricettivi si sentono trasportati verso uno stato di coscienza più elevato di percezione di Dio che fluisce nei loro cuori e nelle loro menti. Tale sintonia pervade la coscienza del devoto nel modo più elevato ogni qualvolta questi faccia appello alla grazia del guru nel tempio interiore della meditazione profonda e devota. 

La resurrezione di Gesù e la sua eterna presenza vivente 

La resurrezione è stata ben compresa dagli yogi indiani più elevati fin dall’alba delle ere primordiali. Gesù stesso era uno yogi realizzato: uno che conosceva e aveva dominato la scienza spirituale della vita e della morte, la comunione e l’unione con Dio; uno che conosceva i metodi di liberazione dalle false illusioni al regno di Dio. Gesù testimoniò attraverso la sua vita e la sua morte il potere del domino totale sul corpo e sulla mente e sulle forze della natura, troppo spesso ribelli. Possiamo capire la resurrezione nel suo vero significato quando comprendiamo la scienza yoga che chiaramente definisce i principi fondamentali con cui Gesù ha resuscitato il suo corpo crocifisso nella libertà e nella luce di Dio...

Nessun’altra scienza ha descritto in dettaglio la discesa della coscienza individualizzata di Dio nell’anima dell’uomo e la sua ascesa evolutiva e spirituale ritornando allo Spirito. In questa era moderna, il Kriya Yoga è stato riportato alla luce dopo essere andato perduto durante le ere oscure, quale metodo ben preciso per accelerare l’evoluzione della coscienza umana e per aprire il sentiero cerebrospinale di ascesa interiore che consente all’anima, attraverso l’occhio spirituale, di salire verso il regno dello Spirito Santo, della Coscienza Cristica e della Coscienza Cosmica di Dio. 

Il regno di Dio dentro di voi

Esiste una corrispondenza meravigliosa tra gli insegnamenti di Gesù Cristo per entrare nel “regno di Dio dentro di voi” e gli insegnamenti dello Yoga impartiti nella Bhagavad Gita da Sri Krishna per restituire all’Anima Regina, riflesso di Dio nell’uomo, la sua legittima sovranità sul regno del corpo, con la completa realizzazione degli stati divini di coscienza spirituale. Quando l’uomo prende stabile dimora in quel regno interiore di coscienza divina, la ridestata percezione intuitiva dell’anima lacera i veli della materia, dell’energia vitale e della coscienza, scoprendo l’essenza divina insita nel cuore di tutte le cose…

Il Raja Yoga, la via regale per raggiungere l’unione con Dio, è la scienza della vera realizzazione del regno di Dio che è dentro di noi. Praticando le sacre tecniche yoga di interiorizzazione impartite da un vero guru durante l’iniziazione, il devoto può trovare quel regno risvegliando i centri astrali della forza vitale e quelli causali della coscienza posti nella spina dorsale e nel cervello. Questi centri sono le vie d’accesso alle regioni celesti della coscienza trascendente. Chi raggiunge un tale risveglio conosce il Signore onnipresente nella Sua Natura Infinita, nella purezza della propria anima, e persino nei veli illusori delle mutevoli forme e forze materiali.

gold lotus rule

Gesù andò molto in profondità nei suoi insegnamenti, che solo in apparenza sembrano semplici – molto più profondamente di quanto la maggioranza delle persone sia in grado di comprendere... [Nei suoi insegnamenti] si trova l’intera scienza dello yoga, il metodo trascendentale per raggiungere l’unione con il Divino attraverso la meditazione.

Copyright © Self-Realization Fellowship. Tutti i diritti sono riservati.